Monthly archive giugno 2012
Controllare a Vita: E' Questo il Nostro Progetto?

Controllare a Vita: E’ Questo il Nostro Progetto?

La 194 non si tocca #save194.

Una donna morta ammazzata ogni2/3 giorni: #noviolenzadonne

Le sidebar a dx dei quotidiani, stampa repubblica corriere, ci trattano come cretine: bisogna occuparsene protestare

La tv così com’è va cambiata: guardare, analizzare, protestare , sensibilizzare

Manifesti in giro per l’Italia che offendono e umiliano

Ragazzine private dell’autostima perché si autoggettivizzano: sensibilizzare

Potrei continuare, potremmo andare avanti per pagine intere: un Festival di sanremo che pare emerso dal medioevo per come ci considera e noi donne che cerchiamo di tenere a bada questa miseria e via di seguito

Perché protestiamo? Perché innalziamo il livello di consapevolezza?

La risposta non è che  ci da fastidio una coscia né che   ci disturba un pezzo di gluteo.

No. Chiaramente no. Io, come molte altre credo qui, vivrei nuda libera come l’aria, nessun problema con il mio corpo se posso determinarlo come io credo sia opportuno e mi posso esprimere attraverso di lui.

Ciò di cui si parla è lo sfruttamento, ed è terribile che chi fa più finta di non capire  sia  un gruppuscolo di simil intellettuali che favoriscono  i corpi resi oggetto delle tv berlusconiane e non solo.

Il punto ora è un altro ed è cruciale.

Noi siamo divenute le controllore dei diritti primari, tutto il giorno sulle barricate o impegnate in  guerriglie di trincea per tutelare i diritti primari.

Così, se andiamo avanti così, UN FUTURO MIGLIORE NON LO PROGETTEREMO MAI.

Stremate da piccole battaglie dai grandi contenuti che però ci hanno tolto fiato ed …

Continua a leggere...
Gli Psicologi Sociali sostengono Lorella Zanardo

Gli Psicologi Sociali sostengono Lorella Zanardo

Come psicologi sociali operanti nell’università italiana appoggiamo con forza la candidatura di Lorella Zanardo come membro del Consiglio d’Amministrazione della Rai. Si tratta della persona che ha denunciato in modo più efficace l’uso strumentale del corpo femminile, ridotto a mero oggetto sessuale, nei programmi televisivi. Il suo documentario “Il corpo delle donne” ha avuto l’enorme pregio di aprire gli occhi e la mente di tante persone, giovanissime e non, e di sollecitarle a riflettere su come questo modo di presentare la femminilità sia svilente e umiliante non solo per le donne che si prestano a questo gioco ma per tutte le donne. Zanardo è impegnata da anni nelle scuole, nelle università, nelle aziende di tutta Italia in un’attività di sensibilizzazione a questa problematica con l’intento di stimolare un sguardo critico rispetto al mezzo televisivo e ai messaggi più o meno espliciti da esso trasmessi.

  1. Mucchi Faina Angelica (Università Perugia)
  2. Volpato Chiara (Università Milano Bicocca)
  3. Maass Anne (Università Padova)

  1. Alparone Francesca Romana (Università di Chieti-Pescara)
  2. Andrighetto Luca (Università di Milano Bicocca)
  3. Arcuri Luciano (Università di Padova)
  4. Berti Chiara (Università di Chieti-Pescara)
  5. Boccato Giulio (Università di Bergamo)
  6. Brambilla Marco (Università di Milano Bicocca)
  7. Cadinu Mara (Università di Padova)
  8. Carnaghi Andrea (Università di Trieste)
  9. Castelli Luigi (Università di Padova)
  10. Catellani Patrizia (Università Cattolica di Milano)
  11. Cavazza Nicoletta (Università di Modena-Reggio Emilia)
  12. Elisabetta Camussi (Università di Milano-Bicocca)
  13. Cicognani Elvira (Università di Bologna)
  14. Converso Daniela (Università di Torino)
  15. Durante Federica (Università di Milano Bicocca)
  16. Foroni Francesco (SISSA, Trieste)
  17. Alessandro Gabbiadini (Università della Valle d’Aosta)
  18. Giacomantonio

Continua a leggere...
Lettera alla Rai

Lettera alla Rai

COMUNICATO STAMPA

“Consideriamo indispensabile, per ottenere processi efficaci di vigilanza sul palinsesto e sulla produzione, che la composizione del Consiglio di Amministrazione sia paritaria, donne e uomini, e riteniamo che occorra l’individuazione di una consigliera del CdA delegata a valutare i prodotti televisivi secondo una visione rispettosa e paritaria per quanto riguarda il gender; capace quindi di rimuovere gli ostacoli che si frappongono alla realizzazione di opere di qualità, e promuovere azioni di garanzia per la tutela dell’immagine femminile”.

Così recitava la lettera indirizzata alla Rai il 27 giugno

2011 da DonneinQuota insieme a Fabrizia Boiardi allora referente del Comitato Pari Opportunità Rai di Milano, in occasione del “1° Meeting in Rai sull’immagine della donna nella tv pubblica”. La lettera (in allegato) era stata firmata da tutte le personalità istituzionali presenti al Meeting. Solo per citarne alcune: Maria Pia Ammirati, Presidente Commissione Pari Opportunità Rai e Vicedirettrice Rai1; Francesca Brezzi, Delegata Pari Opportunità del Rettore Univ. RomaTre; Siusi Casaccia, Presidente Coordinamento italiano LEF Lobby Europea delle Donne; Mirella Ferlazzo, Presidente Comitato Unico Garanzia per le Pari Opportunità/ Ministero dello Sviluppo Economico; Elisa Manna, Vicepresidente Comitato Media e Minori/Ministero dello Sviluppo Economico; Elena Vecchio, Presidente Comitato Esecutivo Federmanager Minerva.

Successivamente la lettera è stata sottoscritta da un grande numero di cittadine e cittadini.

 

A un anno di distanza dal Meeting e nell’imminenza del rinnovo del CdA Rai, ribadiamo con forza ancora maggiore quei principi irrinunciabili: un CdA che assicuri una presenza equilibrata donne e uomini, composto con attenzione prioritaria ai …

Continua a leggere...
I Documentaristi Italiani sostengono Lorella Zanardo

I Documentaristi Italiani sostengono Lorella Zanardo

Continua a leggere...
Curricula come Carta Igienica?

Curricula come Carta Igienica?

Care ragazze e cari ragazzi, in questi giorni molti di voi sono impegnati con gli esami di terza media e con quelli di maturità. Ricevo diverse mail di docenti che mi comunicano che  studentesse  e  studenti portano la tesina sulla rappresentazione del corpo delle donne nei media e altri fanno elaborati centrati sul Corpo delle donne, documentario e libro. Ne sono felice, significa che il lavoro che stiamo portando avanti è utile.

NUOVI OCCHI PER LA TV e per i MEDIA si è propagato per la penisola, sono ormai migliaia gli studenti/esse che hanno seguito il percorso formativo: abbiamo messo le fondamenta  per un cambiamento epocale. Sul sito della BBC sta scritto che il loro obbiettivo primario è EDUCARE, chiediamolo anche alla RAI.

Nei capoluoghi di Firenze Siena Pistoia Prato, Arezzo partiranno a settembre i nuovi percorsi NUOVI OCCHI per la TV ;a breve anche in altre città. Il Trentino è pronto ad iniziare il percorso e province sparse per il territorio hanno già  dato la loro adesione. Vorremmo  potere iniziare una FORMAZIONE dei FORMATORI al Sud, molti la chiedono. Ci vogliono finanziamenti.

La buona nuova è che a settembre uscirà il mio NUOVO LIBRO. Sarà dedicato alle ragazze e ai ragazzi. Quindi da settembre riprenderà il nostro TOUR, continuando il  percorso che ha come OBBIETTIVO: il WEB per INFORMARE, gli INCONTRI sul territorio   per CAMBIARE IL MONDO. Se volete organizzare presentazioni del libro scrivete qui: info@ilcorpodelledonne.net . Le modalità degli incontri saranno nuove, a breve pubblicheremo il …

Continua a leggere...
ARTA, Festival Internazionale della Creatività Femminile

ARTA, Festival Internazionale della Creatività Femminile

Dal 5 al 7 luglio a Geggiano (Siena). Scarica la presentazione e il programma.

Continua a leggere...
Proiezione del documentario a Pero (MI)

Proiezione del documentario a Pero (MI)

Continua a leggere...