Monthly archive maggio 2014

Andiamo Avanti

“Ormai cosa si può fare?” mi chiedono a decine nelle scuole. Hanno 16, 17 anni. Sono in quell’età di mezzo, in cui si  conserva ancora l’aspetto dei bambini, delle bambine, e al contempo si ha già qualche segno di quell’età adulta in cui oggi non si ha alcun desiderio di entrare. Quell’ormai mi inchioda alle responsabilità della mia generazione. Non ci dovrebbe essere la parola “ormai” nel vocabolario di un/a adolescente con il futuro davanti. Ci dovrebbe essere vita, sogni, forza. Consapevolezza che tutto si possa  ancora fare, tutto si possa inventare, che il meglio debba ancora arrivare, che la vita sarà felice e lunga e totalmente e assolutamente nelle loro mani. Ho iniziato ad andare nelle scuole perché mi hanno chiamata per parlare di educazione ai media. Sono un’attivista dei diritti delle donne e volevo spiegare alle ragazze quanto le immagini mercificanti dei media ci tolgano forza. Ho continuato ad andare nelle scuole perché di questa generazione che si sta affacciando alla vita, io mi sono perdutamente innamorata.

Ho pensato a lungo a cosa scrivervi per questa ultima lettera prima delle elezioni. Ho riflettuto su programmi, promesse, analisi. Ho meditato su dati economici da rivedere, da ribaltare,da rivoluzionare. Ho rivisto la mia vita negli ultimi anni: su e giù per l’Italia su treni lentissimi, in scuole fatiscenti, con professori/esse talvolta eroi ed eroine in questo Paese allo sbando. Mi sono ricordata di mille stazioni che mi hanno vista partire all’alba e rientrare esausta la sera. Ho rivissuto la …

Continua a leggere...
Peppino, grande amore

Peppino, grande amore

Cosa vi devo dire? Ogni anno il 9 maggio mi prende un groppo alla gola. 36 anni fa Peppino Impastato veniva ammazzato: aveva 30 anni vissuti pericolosamente e “alla grande”. Peppino incarna tutto ciò che avrei voluto essere e al contempo ciò che ammiro in un essere umano e che mi fa innamorare di un uomo. Coraggiosamente consapevole del potere delle persone, si è giocato la vita sapendo che poteva perderla, per affermare il nostro diritto alla libertà e alla dignità fuori da ogni sudditanza. Dalla parete di fronte alla scrivania Peppino mi sorride da molti anni, quell’aria che pareva non prendere nulla sul serio che nascondeva un impegno dritto fino alla morte. Avrei voluto essere così. Quella dedizione all’ideale, unico senso per le nostre vite, mi ha accarezzata, sfiorata, l’ho fatta in parte mia. Ma poi la vita ha preso altre strade, un figlio, una figlia, responsabilità che fanno scegliere. E allora oggi mi ritaglio 1 ora di silenzio e penso a quella coppia da togliere il fiato che sono stati Peppino e Felicia Bortolotta, la sua eroica mamma che se volete, potete vedere qui. Persone co aiutano a dare senso alle nostre vite.…

Continua a leggere...

La Zanardo deve depilarsi. anzi no. anzi sì. anzi una gamba sì e una no./

Chiara è brava ma mette le gonne troppo corte, secondo me. Maria si da molto da fare, ma va troppo dal parrucchiere, secondo me.Anna è una gran professionista ma va poco dal parrucchiere, secondo me. Francesca è femminista e ci rappresenta bene ma si trucca troppo, secondo me. Antonia lotta per le donne e ci è utile ma fuma troppo secondo me. La Zanardo ha fatto un video che ha innalzato il livello di consapevolezza di milioni di donne, va nelle scuole da anni per educare all uso consapevole media e lo fa con passione e dedizione da anni. ma sulla vicenda del culo dell ufficio stampa doveva dire A, anzi no doveva dire B, meglio C Secondo me doveva dire questo, no no quello…….,e se non lo dice io non voto, io non faccio, io affosso. Il Parlamento europeo va popolato di donne competenti. Non cerchiamo il pelo nell uovo: dalle donne non pretendiamo l impossibile mentre intanto la politica pullula di incapaci uomini che giudichiamo con un filtro molto piu benevolo. Alle prossime elezioni europee VOTA UNA DONNA. E che faccia l interesse delle DONNE. …

Continua a leggere...

I Corpi di Noi Donne

Negli ultimi anni ho assunto un ruolo pubblico per ciò che riguarda l’analisi del Corpo delle Donne nei media. Ora chi mi segue da anni reclama insistentemente un mio intervento sulla vicenda che ha coinvolto l’ufficio stampa della mia LISta L’Altra Europa con Tsipras e lo faccio così, proseguendo a tessere quella rete che sto cercando di realizzare con pazienza da anni e che mira ad unire le donne, mio obbiettivo principale. Riassumo dunque brevemente quanto è accaduto, cercando di analizzare i fatti così come faccio da 5 anni: nessuna pretesa da parte mia di fare da maestra, solo è lo stile che ho adottato andando nelle scuole e funziona. Qualche giorno fa Paola Bacchiddu ha pubblicato una sua foto in bikini di spalle sulla sua pagina FB con la scritta “ciao è iniziata la campagna elettorale e io uso qualunque mezzo, votate l’altra Europa con Tsipras”. Il post non è volgare, non è offensivo. COme sappiamo è sufficiente andare in spiaggia e tutte siamo in bikini. Normale. Dunque il tema non è giudicare un corpo in bikini scandaloso: chi solo pensasse che un corpo spogliato sia sbagliato sarebbe da evitare perchè bigotto e pericoloso per la nostra libertà di espressione. In questo momento però Paola rappresenta l’Ufficio Stampa di una Lista Politica ed è dunque una figura pubblica in particolare modo se sulla sua pagina fb ricorda il suo ruolo per Tsipras: ogni sua azione pubblica, da un punto di vista professionale, dovrebbe tenere conto di chi rappresenta e …

Continua a leggere...
Tv, pregiudizi e apprendimento

Tv, pregiudizi e apprendimento

Ecco una interessante analisi sulla tv via cavo oin Germania di Livia Anita Fiorio da Berlino:

Ebbene sì, accade anche nella Germania unificata e democratica: propaganda di genere. Da giovedì 10 aprile 2014 il canale televisivo per soli uomini DMAX assisterà alla nascita (via satellite, cavo o IPTV) della sua sorellina minore che si chiamerà TLC. Retroscena: TLC – abbreviazione di The Learning Channel (trad. Il canale per l´apprendimento) è un canale televisivo americano via cavo che trasmette per la maggior parte programmi d´informazione e reality-TV. Dal 1991 TLC appartiene al gruppo Discovery Communications. TLC importa importa un gran numero di trasmissioni da imprese-figlie della BBC (Regno Unito). La versione internazionale di TLC è stata lanciata nel marzo del 2010 in Norvegia, seguita da Polonia, Balcani, Asia, India, Olanda, Sudafrica, Grecia, Regno Unito e Irlanda.

In Germania TLC si rivolgerà soprattutto a donne di età compresa tra i 20 e i 49 anni. Esempi di formati inclusi nella programmazione: sotto la lettera “V” trovo per esempio “Verliebt, verlobt, verhaftet” (trad. Innamorat*, fidanzat*, imprigionat*); alla lettere “D” “Die Schönheits-Retter” (trad. I salvatori di bellezza); “J” come “Jo Frost – die Familienterapeutin” (trad. Jo Frost – terapeuta familiare); “K” come “Kitchen Boss” (trad. Il capo cuoco); “P” come “Plötzlich Mutter” (Trad. Improvvisamente mamma); “M” come “Mein nackten Geheimnis” (trad. Il mio nudo segreto) e come “Mein Traum in Weiß” (trad. Il mio sogno in bianco). Insomma, matrimonio, shopping, problemi di coppia (eterosessuale), bellezza, cucina, figli e lavoro a maglia: queste le tematiche …

Continua a leggere...