Monthly archive maggio 2012
Il Coraggio delle Idee

Il Coraggio delle Idee

Osservavo  tempo fa Emma Bonino ricevuta con tutti gli onori da personalità di spicco ad un convegno  e intanto riflettevo su come quelle stesse persone l’avrebbero snobbata, derisa, ignorata quando molti anni fa lottava con i radicali nelle piazze italiane. Non ha importanza se piaccia o no Bonino, quello che le va riconosciuto è il coraggio delle idee, merce rarissima, qualità che va coltivata e che rende capaci di vivere a lungo senza approvazione dei benpensanti: non è facile.

Ho letto anni fa “Lungo Cammino verso la Libertà” di Nelson Mandela, un tomo di alcune centinaia di pagine, a tratti noiossimo perché Mandela descrive puntigliosamente la sua vita e dunque pure 30 anni di carcere, dove si sa, non accade gran ché. Non ha importanza se piaccia o no Mandela, certo che anche qui va riconosciuta la capacità di vivere a lungo senza il consenso: non è semplice, specie se intanto stai segregato dal mondo e immagino che ogni tanto ti assalga la paura che la vita finisca lì.

La Storia fortunatamente ci racconta di vite eroiche e sono queste che ci piace ascoltare, raccontare: Linda Poet la prima donna avvocata laureatai intorno al 1880, dovette attendere 40 anni per esercitare la professione e, quando entrò in tribunale, la schernirono nei modi piu meschini,  gli uomini e anche le donne. Lei continuò a testa alta e oggi noi ci commuoviamo leggendo del suo bellissimo coraggio che ci ispira.

Potremmo dire che questi personaggi hanno avuto il coraggio delle idee ma …

Continua a leggere...

La RAI ai Cittadini

Vi prego di leggere. Noi abbiamo aderito e siamo tra i firmatari dell’appello. La RAI è il nostro Servizio Pubblico che di PUBBLICO NON HA PIU NULLA. Opponiamoci, lottiamo strenuamente, non permettiamo che questa vegogna passi sotto silenzio. 1 mese fa la BBC ha pubblicato sul suo sito la ricerca del Direttore Generale! Il CdA RAI è scaduto da tempo cosi come AGCom e non si sa nulla sui nomi papabili. Un Commissario ONU ha chiesto trasparenza all’On.Monti. Vi prego di vigilare. La Democrazia va salvaguardata. E’ inutile lamentarci da settembre dei programmi miserabili che trasmetterà la RAI: facciamoci sentire ora.

Si terrà oggi giovedì 31 maggio la conferenza stampa “La Rai ai cittadini”, promossa da MoveOn Italia, durante la quale verranno illustrati i 5 punti per garantire che il servizio pubblico torni ad essere tale. All’interno il testo dell’appello indirizzato a Governo e Parlamento. di MoveOn Italia Egregio Presidente del Consiglio Mario Monti ed onorevoli parlamentari,

impegnati da mesi nel progetto La Rai ai Cittadini, siamo qui per proclamare – all’interno del più importante luogo della politica, il Parlamento – il nostro appello di intervento immediato su quella che riteniamo, a pieno titolo, tra le emergenze prioritarie ed urgenti per la vita civile del paese: l’attuazione di condizioni di normalità nel servizio pubblico televisivo, attraverso nuove e democratiche regole di governo e gestione della RAI, insieme ad adeguati interventi normativi ai fini di ripristino della legalità, rispetto al grave e irrisolto problema del “conflitto di interessi” da …

Continua a leggere...
Prendi i soldi e scappa: Visioni di Donne sull'Economia

Prendi i soldi e scappa: Visioni di Donne sull’Economia

ALTRADIMORA – OFFICINA DEI SAPERI FEMMINISTI

MAREA

 

QUARTO INCONTRO ANNUALE

 

PRENDI I SOLDI E SCAPPA:

DENARO, POTERE, DONO, GRATUITA’

VISIONI DI DONNE SULL’ECONOMIA

 

ALTRADIMORA Caranzano (AL) – 8,9,10 giugno 2012

 

Di cosa parleremo

 

“Nell’ambito delle scienze sociali l’economia – dal greco οiκονομία , parola composta da oikos, casa, intesa anche come beni di famiglia, e νόμος (nomos), norma o legge e quindi regole della casa ma anche, più estensivamente, gestione del patrimonio, amministrazione - è la scienza che analizza la produzione, lo scambio, la distribuzione ed il consumo di beni e servizi”.

 

Questa su wikipedia è la definizione che troviamo se cerchiamo un modo semplice per risalire alla radice del significato della parola che forse ultimamente è, insieme a lavoro, quella che ricorre di più nel nostro quotidiano, a partire dai media come nelle conversazioni più banali.

 

Ma come è possibile, se stiamo all’origine della parola economia, che questa oggi descriva l’ambito più lontano e alieno dalla nostra vita quotidiana?

Come è successo che da ‘regola della casa’ l’economia oggi sia il territorio di potenze finanziarie che giocano a dadi con denaro virtuale condizionando e più spesso spezzando le vite reali e concrete di donne e uomini in paesi che rischiano la bancarotta, o sono ostaggi di poche decine di banche?

 

Esiste un pensiero alternativo femminile su questo argomento, che nel mondo globale non può essere analizzato senza connetterlo con altri temi importanti e pesanti quali il …

Continua a leggere...
Slut Walk a  Oxford

Slut Walk a Oxford

Le manifestazioni Slut Walk sono iniziate  a Toronto l’anno scorso e sono diventate un movimento di protesta in tutto il mondo. I partecipanti protestano contro la spiegazione o giustificazione dello stupro in riferimento a qualsiasi idea sulle apparenze di una donna. Il movimento è nato quando l’agente Michael Sanguinetti, un ufficiale della polizia di Toronto, ha suggerito che per essere al sicuro, “le donne dovrebbero evitare di vestirsi come troie,” parola quest’ultima che in inglese si traduce ‘slut’. Oggi lascio la homepage alla Slut walk di Oxford raccontata dalla nostra inviata Chiara Carpita, studiosa e ricercatrice di tematiche di genere. Buona lettura.

 

Slut Walk Oxford 19 maggio 2012 

Slut Walk video 1

Slut Walk video 2

 

Whatever we wear

Wherever we go

Yes means yes

And no means no

My dress is not a yes!

We don’t deserve blame!

We don’t deserve shame!

We deserve respect!

It’s not what I wear

It’s not what I do

It’s just what I say

It’s not up to you!

My clothes are not louder than my voice

Il corteo della Slut Walk Oxford è partito dalla Radcliffe Camera ed ha attraversato tutta la città. Uomini e donne uniti/e contro la cultura patriarcale dello stupro che colpevolizza le/i sopravvissute/i. Ho pensato molto a questa parola, sopravvissuta/o, a quanto sia l’unica possibile, come dice Emily Jacobson:

“I am walking because I was raped. I am walking because two thirds of people who answered a survey would say I am to blame for …

Continua a leggere...
Bellissimo Convegno in Bocconi. Ma Non Ci Vado

Bellissimo Convegno in Bocconi. Ma Non Ci Vado

Bel convegno, io in più sono Bocconiana. L’ho detto però e lo mantengo: niente donne? Io non ci vado. Fate come me e il mondo cambierà

AXA-Bocconi Chair in Risk Inaugural Lecture

The Beauty of Uncertainty

12 June 2012

4:00-6:30pm Università Bocconi Aula Magna Via Gobbi 5, Milano

4:00pm Welcome and Introduction Guido Tabellini Rector, Università Bocconi Andrea Rossi CEO, AXA Assicurazioni

Lectio Inauguralis The Beauty of Uncertainty Massimo Marinacci AXA-Bocconi Chair in Risk, Università Bocconi Thomas J. Sargent Professor of Economics, New York University, 2011 Nobel Laureate in Economic Sciences Itzhak Gilboa AXA-HEC Chair for Decision Science, HEC Paris

Moderator Godefroy Beauvallet Head of the AXA Research Fund

5:30pm Round Table Uncertainty in the Euro Zone Chair Antonio Borges Chairman, Bocconi International Advisory Council

Discussants Eric Chaney Chief Economist, AXA Group Enrico Cucchiani CEO, Intesa Sanpaolo Pier Carlo Padoan Deputy Secretary-General and Chief Economist, OECD Alessandro Penati Professor of Finance, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

A simultaneous interpreting service will be provided…

Continua a leggere...
Laboratorio sulla Misoginia, 28 maggio Milano

Laboratorio sulla Misoginia, 28 maggio Milano

laboratorio teatrale sabba

Luca Micheletti in collaborazione con Rosa Leo Servidio FREUD#di fronte alla vulva anche il diavolo scappa#ORLAN LACLOS#non c’è uomo al quale il pensiero che la sua preziosa carne è destinata a sparire non irrigidisca il membro#MÜLLER GOLDONI# ho sempre creduto che sia la donna per l’uomo una infermità insopportabile #JACK LO SQUARTATORE 28 MAGGIO 2012 H 21:30 durata 50’ LabArca via Marco d’Oggiono 1, Milano info e prenotazioni: 339.3911862 – www.labarcadiannabonel.it – arcaduemila.jimdo.com sabba è l’esito del laboratorio teatrale ex-fuoriluogo che si è svolto presso LabArca nel corso della stagione 2011/12. Si tratta di una performance che ha per tema la violenza sulla donna di cui la strega è simbolo, in quanto prima protagonista del sabba, icastica concrezione del sentimento misogino e della paura che incute la potenza del femminile. Ma le streghe non ci sono davvero. L’esplorazione, ora delicata ora cruenta, delle ferite che gli esseri umani e la natura infliggono alla donna scandisce un percorso d’avvicinamento all’intimità femminile che si risolve in un inno senza retorica ai diritti della donna. sabba cuce insieme impietosamente frammenti di storia, di vita e di favola; non è un racconto, ma una raccolta di momenti; umili istanti che il teatro restituisce alterati e sublima. Ma la sublimazione non cancella la denuncia. Il teatro è il luogo in cui l’universale conserva una traccia di relatività. Ma se la rappresentazione è contraddittoria, il messaggio non deve esserlo: la donna è protezione e va protetta. Si segnala che a causa dei contenuti …

Continua a leggere...
Il Quinto Stato Siamo Noi

Il Quinto Stato Siamo Noi

Domani lunedì 28 presentiamo  il libro di Ileana Alesso “Il Quinto Stato” al Tribunale di Milano, h 14. Vi aspetto. Qui di seguito la mia recensione

IL  QUINTO STATO  SIAMO NOI

“Me le immagino incredule, con quelle espressioni fisse e immutabili che mostrano nelle foto color seppia prese nelle filande e nelle fabbriche dell’epoca, così come erano incredule e raggianti, nei cinegiornali d’epoca quelle donne che per la prima volta si recavano alle urne nel giugno del 1946”

Inizia così “Il Quinto Stato” come un romanzo avvincente che racconta di noi donne italiane lungo l’arco temporale che va dalla  fine dell’Ottocento fino ad arrivare ai giorni nostri. Ileana Alesso ne è  l’autrice e  riesce nel difficile compito di  raccontare con perizia e competenza la storia delle donne dal punto di vista legislativo facendo spesso  dimenticare a noi lettori e lettrici la sua professione di stimata e nota avvocata: ché da una professionista del diritto non ci aspetteremmo  la delicatezza nel tratteggiare situazioni, nel riproporre episodi , nel raccontare la vita e il lavoro delle donne,  accompagnando quasi per mano il lettore e la lettrice lungo un percorso  più che centenario. E’ un libro d’amore questo.  Uno di quei testi in cui riconosci la passione che muove quelle poche caparbie e dedite persone che riescono a trasformare la propria vita in una appassionata avventura  tesa al raggiungimento di un obbiettivo  che poco o tanto, servirà a migliorare il mondo.

E’ del 1902 la presentazione del Quarto Stato di Pelizza da Volpedo …

Continua a leggere...