Monthly archive marzo 2013
11 aprile, Livorno: Nuovi Occhi per i Media

11 aprile, Livorno: Nuovi Occhi per i Media

Continua a leggere...
Indignados e M5Stelle

Indignados e M5Stelle

Ecco una bella LETTERA da BARCELLONA dalla ns corrispondente Giusi Garigali. Grazie Giusi perchè il tuo articolo è pieno di spunti di riflessione.

Premessa fondamentale: questo post non ha la pretesa di esprimere alcuna valutazione sul Movimento 5 stelle, anche perché la situazione è in costante evoluzione. È solo un microtentativo di cogliere qualche analogia fra Italia e Spagna, tanto in relazione all’insipienza della classe politica di entrambi i paesi così come al conseguente scetticismo che pervade l’opinione pubblica.

Nel maggio del 2011 Marina Terragni mi chiese di raccontare, dalle pagine del suo Blog, cosa stesse accadendo in Spagna. Era appena esploso il movimento del 15M e in Italia c’era molta curiosità: si voleva capire e sapere.

Conservo un grato ricordo di quei due mesi in cui scrissi varie cronache da Barcellona, testimone diretta di assemblee, manifestazioni e occupazioni che si susseguivano incessantemente.

In questi giorni di vicende post-elettorali per l’Italia me ne son venuti in mente soprattutto due, di cui vi lascio i link di seguito, nel caso foste interessati a leggerli.

http://blog.iodonna.it/marina-terragni/2011/06/23/unassemblea-a-vila-de-gracia/

http://blog.iodonna.it/marina-terragni/2011/05/30/in-piazza-e-in-rete/

Quando scrissi questi post mi sentii particolarmente orgogliosa del lavoro svolto, perché mi sembrò di avere davvero colto il punto della critica mossa dagli Indignados al sistema e, in particolare, quale fosse l’intrinseca novità che gli permetteva di guadagnare sempre più popolarità fra la gente comune, mentre sui giornali italiani si leggevano solo cumuli di banalità al riguardo (così come ultimamente, in Italia, solo pochi giornalisti hanno avuto l’umiltà di provare a capire …

Continua a leggere...

Non Fatevi Rubare la Speranza.Va bene, ma Voi dateci una Mano

“Non Fatevi Rubare la Speranza! Guardiamoci intorno: quante ferite il male infligge all’umanità!. Guerre, violenze, conflitti economici che colpiscono chi è più debole, sete di denaro, di potere, corruzione, divisioni, crimini contro la vita umana e contro il creato. La nostra gioia non nasce dal possesso delle cose”. “Non dobbiamo credere al Maligno che ci dice: non puoi fare nulla contro la violenza, la corruzione, l’ingiustizia, contro i tuoi peccati! Non dobbiamo mai abituarci al male!”

Così Papa Francesco oggi. E come non essere d’accordo? Cattolici o no, credo che quanto detto dal Papa  sia condiviso da musulmani protestanti e hindu. E da noi. Però. In giro per le scuole d’Italia mi accorgo come sia oggi molto più diffcile essere una ragazza normale o brutta  rispetto a qualche anno fa. Solo pensando a quando ero io sedicenne posso assicurare che  l’imposizione dei modelli mediatici era infinitamente inferiore rispetto a ciò che avviene oggi.Anche allora  le ragazze con molto seno piacevano molto, ma ciò detto,  un unico canale tv poche riviste e un film al cinema ogni tanto potevano sì imporre un modello, che diventava però solo  suggerito ma raramente imposto ed unico.

Oggi provo spesso comprensione e compassione per le ragazzine che incontro sommerse come sono da modelli mediatici infiniti e tutti tesi a proporsi come  l’unico e il solo giusto. E allora diete, iniezioni, tagli di capelli, allargamento dell’arco dentale, operazioni alle  cosce mastoplastiche e così via. Essere sé stesse oggi, magari non bellissime, richiede un duro lavoro …

Continua a leggere...
26 marzo, Torino: Dialoghi in Corso

26 marzo, Torino: Dialoghi in Corso

DIALOGHI IN CORSO

Martedì 26 marzo – Ore 20.30

In collaborazione con Bibliomediateca e Centro Documentazione Rai “Dino Villani”, DAMS – Università di Torino.

MUSEO DEL CINEMA h 20,30

Presentazione del libro Senza chiedere il permesso. Come cambiamo la tv (e l’Italia) di Lorella Zanardo, Feltrinelli 2012.

Con l’autrice intervengono: Cesare Cantù (regista), Gian Paolo Caprettini (Università di Torino).

Modera l’incontro: Sonia Del Secco (Museo Nazionale del Cinema).

A seguire proiezione di: Il corpo delle donne di L. Zanardo, M. Malfi Chindemi, C. Cantù, Italia 2009, 25’, col.

Lorella Zanardo e Cesare Cantù incontreranno gli studenti del DAMS alle ore 15.30 presso il Museo della Radio e della Televisione della Rai, via Verdi 16 – Torino.

^ chiudi

Continua a leggere...
25 marzo, Milano: Austerità Creativa e Inquinamento Cognitivo

25 marzo, Milano: Austerità Creativa e Inquinamento Cognitivo

Continua a leggere...
22 marzo, Bologna: Presento la SVEZIA

22 marzo, Bologna: Presento la SVEZIA

Sono a BOLOGNA venerdi 22 nell’ambito della FIERA del LIBRO per ragazzi/e. Presento un WORKSHOP di conoscenza e approfondimento sulla SVEZIA e sul sisstema efficace di PARI OPPORTUNITA’. La scorsa settimana l’Istituto Svedese di Cultura mi ha invitato per una full immersion su qusto tema. E’ interessante, molto. La Svezia è al 5 posto nel Gender Gap Index, noi all’80esimo. Ma a noi interessa capire come migliroare, e dunque ascoltiamo le amiche svedesi, prendiamo utili spunti e lottiamo perchè anche da noi le cose cambino.

Qui sotto il programma molto ricco.

Vi aspetto!…

Continua a leggere...
Guardare Avanti

Guardare Avanti

Metti una mattina in una Scuola Media a GAVIRATE (Va). Metti che ci sia un gruppo di insegnanti che si batte da anni con coraggio e con costanza perchè i loro allievi/e crescano cittadini consapevoli. Immagina che da anni, solo con le loro sole forze, siano riuscite a portare nel loro piccolo paese Davigo, Borsellino, Colombo e molte/i altri. Ecco che un piccolo miracolo avviene stamane. I 400 ragazzi/e radunati lavorano da tempo sulla violenza e sui media. A presentare, oltre a me, una magistrata e due giovani funzionarie della Polizia che si occupano di violenza, stalking e femminicidio. I ragazzi/e presentano un documentario creato da loro e che presto metteremo online.

La magistrata Manuela Massenz ci soprende introducendo l’importanza del tema “nominare il mondo al femminile” anche nella sua professione. Le due funzionarie ci raccontano storie, terribili certo, ma a cui spesso riescono a trovare se non un lieto fine, una via d’uscita. Parlano dell’importanza di affrontare questi temi a scuola perchè talvolta è capitato loro che da quegli incontri ragazzini/e trovassero il coraggio di denunciare.

Io presento Nuovi Occhi per i Media, ho due assistenti 14enni che stanno al pc e fanno partire i video. Sono competenti e attenti e mi seguono con attenzione.

La commessa ci ha preparato il pranzo, pugliese, a cui non si può dire di no. Alcune deliziose ragazze ci aiutano a servire in tavola. Prima di partire la cuoca, con tenerezza, mi consegna un sacchetto di orecchiette …

Continua a leggere...